giovedì 1 marzo 2012

Quando ti borseggiano...

Bazzicando in una grande metropoli, e per giunta del sud, sono abituata a dover convivere con scippi, borseggiamenti, rapine e simili, sono talmente abituata che automaticamente porto la borsa in un certo modo, apro il portafogli in modo furtivo e ho gli occhi sempre attenti a chi mi sta intorno.
Certo fare questo 365 giorni all'anno... se consideriamo la legge dei grandi numeri prima o poi dovevo fallire, è statistica.
E fu così che ho "perso" il portafogli con 30 euro e tutti i documenti, tessere sconto, e chi più ne ha più ne metta... porca miseria per un attimo di distrazione!
Inizialmente volevo mettermi a piangere... chi ti da il diritto di rubare una cosa mia??? I soldi che mi guadagno, le mie tessere, i miei punti, le mi cose!
Subito dopo scatta la rabbia verso sé stessi, come diavolo ho fatto ad essere così stupida? Eppure lo so bene che non devo distrarmi, nemmeno se sono stanca, nemmeno se sono le 19.30 e mi fanno male le caviglie, nemmeno se non vedo l'ora di ritornare a casa... è inaccettabile! Stupida, stupida, stupida!
Tutto questo dialogo interno è avvenuto nell'arco dei cinque minuti che mi separavano dalla questura... vado subito a fare denuncia ed a bloccare il bancomat.
Poi scatta l'autoindulgenza, ho il diritto di distrarmi ogni tanto, è troppo faticoso vivere una città simile, e io fino ad ora sono stata brava, in fondo in 32 anni mi hanno rubato solo un paio di cellulari e un portafogli, ho sventato 5 borseggiamenti, ho evitato uno scippo di cappotto (che portavo sotto braccio per via del caldo), e un agguato con tanto di cassonetto posto in mezzo alla strada (probabilmente per fregare la macchina del mal capitato che fosse sceso a spostarlo per passare...), per non parlare di mio padre il supereroe che tentava di mettere sotto alcuni ladri che ad un semaforo avevano aperto lo sportello di una ragazza e tentavano di scaraventarla fuori dall'autovettura per rubarla...

Insomma, posso essere fiera di me, alla fine in tutti questi anni me la sono cavata discretamente, poteva andare molto peggio... giusto?
Ecco il motto della settimana direttamente dalla parete della mia cucina:

16 commenti:

  1. Figurati io, che vivo a Napoli! (o forse anche tu?) Comunque senti questa: Io odio i portafogli e per tenere insieme i soldi uso una clip. Avevo messo i soldi in una tasca interna del giaccone (erano parecchi perchè volevo fare una spesa). Ero in macchina, ma mi ero scordato la sicura. A un semaforo rosso, fermo la macchina. Un tizio, con la pistola puntata, mi apre lo sportello, toglie le chiavi dal quadro e mi intima: Dammi il portafogli! Non so in quale stato di imbecillità mi trovassi in quel momento, comunque lo guardo con schifo e dico: non ho portafogli, se vuoi posso darti 100 lire (era l'epoca delle lire e ne tenevo 100 per i lavavetri). Quello mi guarda sbalordito e ripete: caccia il portafogli o ti sparo. Mi sentivo calmissimo, come quando qualcuno chiede la carità (ho già detto che ero in stato di imbecillità?). Il suo tono mi irrita e gli ripeto: non ho portafogli e tu cerca di andartene a fare in c... Il tizio sbarra gli occhi mi palpeggia le tasche e ovviamente non sente nulla perchè non porto portafoglio e il giaccone era pesante. Poi gira e se ne va. Io scendo dalla macchina e cerco le chiavi che il malvivente aveva gettato in terra. Dietro di me s'era fermata una fila di auto che, ovviamente, avevano visto tutto senza intervenire. Uno di questi tira la testa fuori dal finestrino e chiede: Quanto si è preso?. Rintraccio le chiavi, riempio il tizio di una scarica di improperi e me ne riparto. Ancora oggi mi domando, io, che particolarmente coraggioso non sono, chissà perchè mi sono comportato in quel modo così strafottente a rischio di rimetterci la pelle! Strani casi della vita :-)

    RispondiElimina
  2. E sì mi sa che la città è la stessa... peccato non ci fosse stato mio padre a quel semaforo ;) Quello che mi irrita è il nostro esserci abituati a tutto questo, per noi oramai è "normale"... e tutti quelli che come nel tuo caso se ne fregano perchè tanto il problema è il tuo? Che peccato...

    RispondiElimina
  3. Credo sia terribile che qualcuno si appropri di qualcosa che ti appartiene e con la violenza. Ancora piu' terribile è l'indifferenza per cio' che diviene normale e normale non è. In una situazione del genere credo che mi metterei seriamente nei guai. Non mi appartiene il subire. Comunque quando sto a Napoli mi organizzo. Borsa si, con tutto il superfluo che una donna porta con se, non sia mai che serva e non serve mai. Documenti a casa. Non si dovrebbe ma chi se ne frega. Se penso di usare il bancomat mai in borsa. Lo porto addosso magari nella tasca interna di un giubbotto. Lo stesso faccio con i soldi. Non mi è mai capitato nulla, nel caso..ci organizziamo:-)

    RispondiElimina
  4. oddio mi mettete ansia e paura ç.ç io credo che inizierei ad urlare e a sferrare calci XD
    fortuna che vivo in un paese tranquillo, ma comunque se vado in città ho sempre le sicure messe... fate attenzione!

    RispondiElimina
  5. Risposte
    1. beh per vivere a Napoli o comunque al sud, è una media stratosferica la tua...:))
      beh dai consolati, succede ovunuque, pure a Bolzano...
      m'immagino la Questura con quintali di denunce....:)
      pensa sempre che poteva andarti peggio....non è molto, ma aiuta...
      assunta come critica d'arte da me...:)))

      Elimina
  6. @Cleide hai ragione, è una filosofia che seguo pure io quella dell'organizzazione... e io non ci vado poco a Napoli centro, calcolando che ci vado almeno 3 volte alla settimana... mi sono distratta per salire sull'autobus e farmi strada tra la calca, mi sarà di lezione la prossima volta! Quello che mi turba è l'indifferenza... non sai quante volte io ho avvisato persone che stavano per essere derubate mentre gli altri guardavano altrove...!!!

    @Pier(ef)fect è per questo che non abito in città ma in provincia, è troppo stressante!

    @sognatrice grazie :)))))))))))))))

    RispondiElimina
  7. @Luigi... sisì la media mi consola molto ;) oggi ho già rifatto tutti i documenti :)
    La storia dell'arte mi è sempre piaciuta, ho avuto un'ottima insegnante ;)

    RispondiElimina
  8. Puntualizzare che la metropoli ladresca era sudista mi sa tanto di razzismo a buon mercato.Io sono nato e vivo nel profondo nord triestino ma sono stato rapinato a nord di Milano da due oriundi lombardi.
    Tutto il mondo e paese,recita un vecchio detto.
    Felice sera,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Fulvio era solo per enfatizzare il luogo comune ovviamente, non è razzismo è autoironia a buon mercato, volutamente enfatizzata ;)

      Elimina
  9. Bha! a me hanno rubato i soldi durante la prima gita al liceo a Firenze! bellissimo! da studentessa a Cagliari ci hanno svaligiato l'appartamento, che è anche più brutto del borseggio e Altro borseggio a mio marito a Parigi :-); anche quando siamo andati a Praga siamo stati subito avvisati dei borseggiatori, Bho è la legge dei grandi numeri :-)Sono ancora in ufficio :-) hanno risistemato il router ma la connessione va e viene, meglio di niente in compenso sono piena di lavoro :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Fiore che bello rileggerti! e bello anche che tu sia piena di lavoro... :)

      Elimina
  10. be gli scippi ci sono in tutto il mondo,non solo a Napoli o in Italia,la gente secondo me non interviene non per indifferenza ma per paura,al giorno d'oggi ti ammazzano come niente e una persona ha paura ad intervenire,se ti sparano,se ti accoltellano?Il primo pensiero è per la famiglia e i figli che restano soli ed allora si che se ne ifischiano tutti buona settimana a tutti Ida

    RispondiElimina
  11. Mi dispiace. Spero tu possa presto trovare la serenità e lasciare alle spalle lo spiacevole episodio.
    Un sorriso per il nuovo inizio di settimana.
    ^___^

    RispondiElimina
  12. Ecco perchè il ladro da noi se la cava sempre,(metaforicamente parlando), perchè ci “auto incolpiamo” di non essere stati attenti, ci diciamo stupidi perchè abbiamo abbassato per un attimo la guardia, scateniamo la rabbia verso noi stessi perchè ci siamo GIUSTAMENTE rilassati.
    Questa secondo molti è civiltà, dare, o darsi, del negligente a chi subisce un torto e non accusare chi compie l'atto bastardo di, in questo caso, rubare.
    In altri stati il ladro lo si riconosce da molto lontano, ... non ha una mano, ma li, si dice, che non sono civilizzati.

    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @redisaturno io trovo assurdo
      1. non potermi lamentare di Napoli perchè se no sono qualuinquista, razzista e seguo gli stereotipi... ci vivo da sempre saprò di cosa parlo!
      2. che sia normale dover subire un furto, siamo abituati a pensare che prima o poi ci tocchi...
      3. che sia poco civile dare delle punizioni efficaci... adesso non voglio dire di tagliare le mani, ma metterli ad alzare merda gratis per mesi? Io dico che poi se lo ricordano ;)

      Elimina

Se quello che condivido ti piace oppure non ti piace, LASCIA UN COMMENTO!
Il confronto è la molla che fa scattare la Creatività!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...